Due Vale Attorno ( 2 V A )

ASSOCIAZIONE DUE VALE ATTORNO

LA CUFINATA E LA CANNIZZA

La cufinata (cesta) e la cannizza (vassoio) sono due oggetti di contenimento e trasporto utilizzati dai contadini di Pellegrino.
Entrambi sono realizzati intrecciando pezzi di canna tagliata a strisce e tralci di vimini. La forma della cufinata è leggermente di tipo tronco-conica, con la base circolare di diametro circa 50cm ed alta circa 80 cm.
In passato c'erano numerosi artigiani che realizzavano sia delle cufinate che delle cannizze di varia foggia e grandezza.

Per facilitare il trasporto ed avere un maggiore equilibrio, tra la testa e la cufinata o tra la testa e la cannizza si utilizza la cosiddetta "corona" che consiste in uno straccio arrotolato a forna circolare. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, l'equilibrio della cufinata è più stabile quando essa è piena. Al contrario, quando la cufinata è vuota è molto difficile da trasportare.

IL TRASPORTO CON LA CUFINATA
Il trasporto con la cufinata è una prova di abilità che consiste nel trasportare sulla testa una cufinata vuota o piena di masserizie da un luogo all'altro, superando determinati ostacoli.
In essa si rappresenta il tragitto che le donne compivano, ad esempio, per andare a lavare la biancheria al fiume o al più vicino lavatoio.

In altri casi, le donne trasportavano dentro la cufinata il pane, dei frutti o degli ortaggi raccolti dai contadini. A volte la cesta poteva pesare anche una ventina di chili, ad esempio quando si trasportavano le arance, le patate o altri prodotti agricoli destinati alla vendita.
In questi casi il percorso poteva essere lungo da 5 a 10 chilometri.

IL TRASPORTO CON LA CANNIZZA
Per l'essiccazione ed il trasporto dei fichi secchi e di altri prodotti da essiccazione, si utilizzava una "cannizza", che è una specie di vassoio composto da pezzi di canna tagliata a strisce ed intrecciata fino ad assumere una forma piana di circa un metro per due.





Vedi il filmato

Home